Vuoi un giardino pieno di farfalle ?….

HomeVuoi un giardino pieno di farfalle ?….

Leggere e sognanti, sono sempre le benvenute, eppure sono sempre di meno. Ogni giardino può diventare un habitat a loro favorevole, scegliendo le piante giuste

Le farfalle sono animali molto esigenti e non è facile ormai vederne molte nei nostri giardini, anche a causa delluso indiscriminato di pesticidi e della selvaggia  cementificazione,tuttavia, con qualche semplice accorgimento, sarà possibile attirare nel giardino, soprattutto in primavera, le farfalle.

Piante amiche

È buona cosa offrire loro una buona fioritura nel corso della stagione, dalla primavera e tarda estate, quando la maggior parte delle farfalle sono attive. Le piante aromatiche attirano le farfalle. Menta, salvia, finocchio selvatico, timo, rosmarino, origano, camomilla, maggiorana, valeriana, lavanda. Fra i cespugli fioriti, verbena, buddleja (la loro preferita), rotheca myricoides, asclepia tuberosa, aubrethia, e poi cardo, viola, tarassaco, rubdeckia fulgida, astro, ibisco, violaciocca, cerato stigma, nicotiana. Anche alcuni arbusti utilizzati per le bordure o per la realizzazione di siepi, pur non avendo una fioritura sgargiante, attirano le farfalle, come il biancospino, il cotoneaster, il prugnolo ed il caprifoglio. Non disdegnano neppure i fiori dei meli e dei peri.

 

 

Come fare “il prato delle farfalle”

 

Se lo spazio a disposizione nel giardino lo consente, si può realizzare “Il prato per le farfalle “ che può essere anche  in uno spazio piccolo, purché sufficientemente assolato. Nella creazione e cura di un prato per le farfalle occorre tener presente che:

 

1) Non bisogna concimare in alcun modo il prato: la concimazione può rendere l’erba non commestibile per alcune farfalle

2) Innaffiarlo poco o niente: molte delle piante più gradite alle farfalle preferiscono terreni asciutti

3) Tagliare l’erba non più di due volte all’anno, in tarda primavera e in autunno; tagliare l’erba a non meno di 5 cm da terra e possibilmente senza l’uso di macchinette tagliaerba

5) Lasciare sul posto, almeno per tre giorni, l’erba tagliata in modo da permettere ai bruchi di trasferirsi sulle parti vive delle piante

6) Estirpare le erbe di grandi dimensioni e gli arbusti indesiderati senza ricorrere ai diserbanti

 

 

La vita delle farfalle

 

Il ciclo vitale della farfalla è caratterizzato da una straordinaria metamorfosi, che è un vero miracolo della natura. Come per tutti gli insetti, la vita della farfalla inizia da un uovo deposto dalla femmina fecondata, solitamente su una pianta. Fino al momento della schiusa, il piccolo bruco si nutre del contenuto dell’ uovo. Dopo 8 – 10 giorni  rompe il guscio ed esce e comincia subito a nutrirsi con la pianta su cui si trova e, crescendo,  cambia più volte la pelle.

Dopo circa un mese, il bruco è pronto per la seconda trasformazione, la ninfosi. Fila un particolare filo di seta, con cui si appende a un ramo, si avvolge e piano piano fabbrica un bozzolo in cui si chiude. All’interno del bozzolo, si gonfia di aria, la pelle di bruco si stacca e diventa una crisalide.

Dopo circa due settimane, l’individuo adulto è ormai perfetto, buca il bozzolo ed esce una farfalla che  comincia subito a dispiegare le ali, movendole, e dopo qualche ora è pronta per volare. La farfalla adulta non ha più un apparato boccale adatto a triturare, ma a succhiare: comincia a nutrirsi del nettare dei fiori, succhiandolo con una specie di proboscide, chiamata spirotromba, che funziona come una cannuccia. La farfalla non vive a lungo: in genere, la sua vita dura qualche settimana, durante la quale essa si riproduce per permettere la continuazione della specie.

 

L’idea in più

 

Se potrete inserire nel giardino uno stagno o una fontana con delle piante acquatiche, ciò attirerà nel giardino non solo le farfalle, ma anche molti altri simpatici animaletti come: rane, raganelle, libellule.

 

 

Se vuoi piantare nel tuo giardino le piante ed i cespugli più adatti alle farfalle, da noi puoi trovare un assortimento vastissimo

chiamaci allo 0332 989123 o contattaci via mail : monverdegarden@ngi.it

 

 

 

 

2017-03-22T16:39:20+00:00