UNA BARRIERA NATURALE CONTRO LE ZANZARE

HomeUNA BARRIERA NATURALE CONTRO LE ZANZARE

Le aromatiche sono grandi amiche dell’uomo non solo in cucina, ma anche perché con il loro forte odore creano un invisibile muro contro gli insetti più fastidiosi dell’estate. Ecco quali prediligere

 

 

Sono molte le piante che, per le sostanze che contengono o per l’odore che emanano, possono aiutarci a tenere lontani gli insetti. Prevedere uno spazio per loro in giardino contribuisce non solo ad abbellirlo, ma anche a renderlo più confortevole, perché meno soggetto alle visite di ospiti sgraditi. Fra le migliori alleate troviamo le piante aromatiche, che probabilmente hanno già una zona a loro riservata nei nostri balconi e nei giardini per poterle usare in cucina. Proviamo allora ad aumentarne la quantità e la varietà, disponendole con continuità e mischiandole con altre specie: l’odore che sprigionano creerà una barriera lungo tutto il perimetro del nostro spazio e ci aiuterà a evitare le punture. Vediamone alcune.

 

Lippia citriodora

 

È un arbusto a che raggiunge il metro e mezzo di altezza. Può essere piantata in piena terra solo nelle regioni a clima invernale mite, altrove deve essere coltivata in vaso, e va riparata durante l’inverno. Le foglie  emanano un profumo simile a quello della melissa e della citronella; in cucina si usa per dare sapore di limone alle vivande. Il profumo emanato dalle foglie può durare anni: è un ottimo ingrediente per i pot-pourri. Scegliete una posizione soleggiata e riparata dai venti freddi. Predilige un terreno ben drenato, sabbioso. Va annaffiata generosamente fino all’autunno.

 

Tagete

 

Si incontra spesso nelle bordure e nelle aiuole, perché è facilissimo da coltivare, e fiorisce per tutta l’estate. Va benissimo come fiore da taglio, perché immerso nell’acqua dura fino a quindici giorni. Ha un profumo intenso e selvatico, che lo rende sgradevole alle zanzare e a anche a qualche persona! Si adatta a ogni terreno, non teme la siccità e ama stare al sole: il pieno sole lo fa fiorire a profusione e per un lungo periodo. Però si adatta bene anche alla mezz’ombra. Nei nostri climi è una annuale, ma si auto dissemina con facilità.

 

Rosmarino

Conosciuta fin dall’antichità, quella del rosmarino è una pianta che noi siamo abituati a utilizzare prevalentemente a tavola, come condimento dei piatti più disparati, soprattutto a base di carne. Tuttavia il rosmarino ha notevoli proprietà benefiche che i Romani ad esempio conoscevano molto bene: infatti lo usavano come erba medicamentosa utilizzata per combattere mal di gola, mal di denti, distorsioni e slogature. Inoltre, il suo caratteristico profumo è sgradito alle zanzare.

Lavanda

Il nome deriva dal latino e probabilmente fa riferimento all’usanza di inserire i fiori nell’acqua per il bagno con lo scopo di profumarla. È una pianta originaria del bacino del Mediterraneo, ma fino a qualche decennio fa nel nostro paese era poco utilizzata a scopo ornamentale nei giardini, era più coltivata per la raccolta dei suoi fiori, destinati all’industria profumiera, e per ricavarne il prezioso olio essenziale. Poi è stata riscoperta perché la sua capacità di adattamento a terreni poveri ed aridi è diventata preziosa. Una drastica potatura a settembre, tagliando la pianta più bassa possibile, evitando di arrivare sul legno spoglio, la farà crescere ordinata, ben accestita e durerà più a lungo.

 

Calendula

È un genere di piante della famiglia delle Asteraceae. Comprende 12 specie la più conosciuta delle quali è la Calendula officinalis. Il nome deriva dal latino Calendae, parola con la quale i Romani indicavano il primo giorno del mese, dato che fiorisce una volta al mese durante tutta l’estate. Quasi tutte le specie vengono usate come pianta ornamentale per decorare i giardini o in vaso sui terrazzi. I fiori di Calendula officinalis sono utilizzati come rimedio fitoterapico per le loro proprietà antispasmodiche e cicatrizzanti; in omeopatia viene consigliata anche in caso di ustioni, di cure dentarie e dopo il parto. Utilizzate spesso anche in ambito gastronomico, per colorare piatti e insalate, nonché come succedaneo dello zafferano.

 

 

Menta

La menta (genere Mentha) è una pianta erbacea perenne, stolonifera, fortemente aromatica, dal tipico sapore pungente e piccante, che appartiene alla famiglia delle Labiate (Lamiaceae). Predilige sia le posizioni in pieno sole che la mezza ombra, e può resistere anche a basse temperature. Molto conosciuta già dal tempo degli Egizi e dei Romani, veniva usata da Galeno come pianta medicinale. In cucina si usa nelle zuppe, nelle salse, nella carne, in special modo per cucinare l’agnello, per preparare liquori, sciroppi, caramelle. È molto usata per aromatizzare alcune varietà di tè verde, è famoso il tè verde maghrebino. Secondo la leggenda, la menta prende il nome dalla ninfa Minthe o Myntha, amata da Ade, il dio degli Inferi, e che venne trasformata in pianta da Persefone, moglie di Ade.

 

Ruta

La ruta comune, o Ruta graveolens, è una pianta della famiglia delle Rutacee. È comune in Italia a volte spontanea al disotto dei 1000 metri di altitudine. Tutta la pianta emana un odore gradevole, ma è molto velenosa e il suo uso come pianta officinale deve essere fatto sotto controllo medico. Ha un aroma piacevole, non eccessivamente spiccato e viene utilizzata per aromatizzare la grappa. I semi insieme alle foglie di menta vengono usati per aromatizzare la carne di selvaggina. Gli estratti di ruta sono mutageni e epatotossici; a grandi dosi possono causare violento dolore gastrico, vomito, complicazioni sistemiche, fino alla morte. L’olio di ruta può causare danni ai reni e grave degenerazione epatica; l’esposizione agli estratti di ruta, o ai preparati vegetali derivati da esso, può causare grave fotodermatiti, che possono determinare vere e proprie ustioni cutanee. Quindi si consiglia di posizionarla in luoghi non facilmente accessibili, soprattutto se in casa ci sono bambini o animali.

Lo sai?

La più formidabile pianta repellente delle zanzare è l’erba gatta, o nepeta cataria. Studi recenti hanno dimostrato che strofinarla sulla pelle ha un potere dieci volte superiore agli spray in commercio.

 

 

2017-04-22T19:14:16+00:00